Macelleria Gadaleta:

razza piemontese fino all'osso

Michele Gadaleta aveva 15 anni quando ha iniziato a lavorare in macelleria insieme al papà e ai fratelli. Dopo circa 10 anni di apprendistato come banconiere, nel 1984 aprì il suo primo negozio. Oggi può vantare una professionalità coltivata in 43 anni di esperienza.

La sua macelleria si trova nel quartiere di Mirafiori Nord a Torino e propone carne di alta qualità esclusivamente di razza piemontese certificata dal consorzio Coalvi. Si possono trovare anche alcuni Presìdi Slow Food, come l’agnello sambucano, il coniglio grigio di Carmagnola e la gallina bionda di Villanova d’Asti. L’offerta si arricchisce con formaggi e salumi tradizionali, oltre che con una selezione di prodotti locali come oli, vini, birre artigianali e conserve.

L’amore per la carne e l’attenzione ai gusti della clientela, ha portato Michele a creare dei prodotti nuovi rifacendosi alle vecchie ricette della nonna.
Tra questi vi sono il Ragù, il Bollito e i Quadrotti al Marsala. Si tratta di ricette tradizionali rivisitate e messe in vendita in barattoli, pronti all’uso per le nuove generazione che non hanno più il tempo di cucinare. Tutti e tre questi preparati non contengono conservanti né addensanti, il sapore della carne si mantiene così autentico.

Michele Gadaleta taglia la costata

«Posso ritenermi fortunato se sono ancora qua, con tutto quello che si dice su di noi, sulla carne» confessa Michele.

Negli ultimi anni il consumo della carne è diminuito, un po’ per il cambio degli stili di vita, un po’ per le campagne mediatiche che ciclicamente buttano cattiva luce sul mondo della carne. Allo stesso tempo è cambiato anche il modo di vendere il prodotto. Con l’aumento dei supermercati e della grande distribuzione, la figura del macellaio sta piano piano scomparendo.

«C’è differenza tra un venditore di carne e un macellaio» ci spiega Michele «La differenza sta nella professionalità.  Il venditore di carne può fare esperienza anche in un supermercato,  dove sei solo un numero».  Chi vende carne ha il compito di disossarla, senza sviluppare professionalità nel tagliarla, pulirla  e presentarla. Nella grande distribuzione il rapporto con il cliente si smorza, senza contare quello con la materia prima. Scegliere la materia prima secondo Michele è di vitale importanza in questo mestiere:  «Da sempre noi compriamo gli animali quando sono ancora vivi. Io vado in stalla, mi vedo la mia bestia, la tocco..». C’è attenzione nella ricerca, nella selezione degli allevatori migliori e si controlla l’intera filiera. E’ questo lavoro che fa la differenza e la qualità.

La Piemontese di Guide Bogianen

La Macelleria Gadaleta ha una clientela ormai da anni fidelizzata, una clientela che si informa e si lascia consigliare da Michele: «Se siamo ancora qui è perché abbiamo lavorato in un certo modo«.   La fiducia è stata conquistata.

Quello che abbiamo potuto osservare è che la macelleria Michele Gadaleta si trasforma in un luogo di incontro dove l’acquisto fa da sfondo alla relazione umana, alla parola. E non viceversa.

Sarebbe bello se questa eccezionalità si trasformasse in normalità, se questo tipo di commercio rimanesse in vita. E se ci fossero più macellai che venditori.

Maestri del Gusto

Il progetto

Maestri del Gusto

Il progetto Maestri del Gusto di Torino e Provincia è nato nel 2002 grazie alla Camera di commercio di Torino, al suo Laboratorio Chimico e a Slow Food. Grazie a un lavoro di meticolosa selezione e controllo, ci porta alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche del torinese. Per avere più informazioni sul progetto… 

Visita il sito
Facebook

Guide Bogianen

Guide Bogianen

I tour nella Torino contemporanea dinamici e coinvolgenti per torinesi e turisti intraprendenti.

Visita il sito
Facebook
2016-11-08T20:45:31+00:00 settembre 20th, 2016|salone del gusto 2016|0 Commenti

Cosa ne pensi? Scrivi un commento!